Le origini dell’attuale società “Mario Zaffaroni & figli” risalgono all’attività di produzione di piccole macchine per il falegname (seghe a nastro, pialle, toupies) che i fratelli Zaffaroni avevano intrapreso già nell’immediato dopoguerra.
Nel 1961 diviene ditta individuale e il fondatore, Mario Zaffaroni (uno dei fratelli della precedente società), con l’aiuto di suo figlio Aquilino, inizia a realizzare macchinari e sistemi speciali, per soddisfare le richieste di chi non trovava, tra quanto proposto dal mercato di allora, i prodotti più adatti alle proprie esigenze.
La passione di Aquilino per la meccanica, ha portato l’azienda alla produzione di macchine di precisione: risale, infatti, al 1972 il primo modello di sezionatrice trasversale per tagli a V (sistema folding). Ideata inizialmente per la sezionatura su fasce in legno per casse di televisori e casse acustiche, col tempo viene modificata ed ottimizzata, per essere impiegata anche nella produzione di fasce per cassetti e mobili componibili, dimostrando sempre un’elevata precisione.
Il primo prototipo di sezionatrice multilame nasce invece nel 1979, per soddisfare l’esigenza di sezionare pannelli in truciolare (segnaliamo che questa macchina è tuttora funzionante). Oggi, è il modello di punta della Mario Zaffaroni & figli, in quanto trova applicazione in molteplici campi, sia per sezionare che per fare fresature multiple su pannelli e strisce in materiali grezzi o nobilitati. Il successo di questa macchina è dovuto soprattutto alla sua versatilità, oltre che all’elevata produttività e alla semplicità di utilizzo, tanto da raccogliere i favori anche dal fiorente mercato della produzione di parquet prefinito.
La produzione di prodotti di qualità e la partecipazione costante alle principali fiere di settore (INTERBIMALL di Milano, LIGNA di Hannover e FIMMA di Valencia), contribuiscono all’affermazione dell’azienda a livello internazionale.
Il conseguente sviluppo di mercato porterà poi, nel 1985, alla fondazione della società tra Mario e i figli Aquilino e Angela.
Intorno alla metà degli anni novanta, dopo la scomparsa del socio fondatore Mario, l’azienda inizia ad avvalersi della collaborazione dei figli di Aquilino: Andrea, Aldo ed Alessia.
E come tradizione vuole, di padre in figlio, si susseguono nuove idee e nuove realizzazioni. Infatti, nel 1994, la Mario Zaffaroni & figli costruisce il primo esemplare di sezionatrice per tagli a V con testa mobile e Controllo Numerico, denominata STM. Questo modello di macchina è utilizzato con successo in tutte quelle produzioni che richiedono una certa versatilità, in quanto può lavorare sia in senso trasversale sia longitudinale.
Quasi contemporaneamente a questo evento, la Mario Zaffaroni & figli diventa socio ACIMALL, l’associazione italiana costruttori macchine per la lavorazione del legno, affiancando così il proprio nome alle aziende di maggior prestigio del panorama italiano.
Dopo aver conquistato la fiducia del mercato europeo e di quello asiatico, l’azienda riesce ad arrivare negli Stati Uniti e solo qualche anno più tardi, nel 2000, partecipa per la prima volta all’esposizione fieristica di Atlanta, la IWF.
Ed è proprio per un’importante casa americana che la Mario Zaffaroni & figli realizza, nel 2001, una inedita linea di sezionatura a V e piegatura bordi, ideata per la produzione di fasce per casse acustiche con forme di moderna concezione.