La Fresatrice Multipla Longitudinale è una macchina ad alto rendimento, studiata per eseguire fresature multiple longitudinali di precisione a V o in altre forme, su pannelli già refilati in misura, anche con superfici finite, rivestiti con PVC, fogli in legno, laminati plastici o vari.
Inizialmente concepita per essere inserita in linee di lavorazione in continuo per la produzione di casse acustiche HI-FI (fresatura a V e successiva piegatura con altri macchinari), è utilizzata anche per quei prodotti che richiedono delle fresature centrali sul pannello, dei canali non passanti di testa o anche per dividere in due i pezzi, come ad esempio per i cassetti.
Realizzata con capacità di lavorazione in larghezza di 65, 92, 130 e 160 cm, la FML può essere fornita con equipaggiamenti speciali, in base alle esigenze di produzione del cliente.
La macchina ha una precisa e compatta struttura d’acciaio che le conferisce un’elevata robustezza ed è, inoltre, dotata di:
- gruppo d’avanzamento pezzi composto da rulli trainanti rivestiti in gomma;
- gruppi pressori, formati da file di ruote libere gommate, posizionabili in senso orizzontale e regolabili simultaneamente in funzione dello spessore del pannello da lavorare, per mantenere il pezzo ben premuto durante la fase di fresatura;
- registri in laminato plastico, regolabili simultaneamente tramite volantino in base alla larghezza del pannello, per guidare il pezzo nella zona di fresatura;
- carrelli porta-teste, che scorrono sul lato anteriore e posteriore di una trave in acciaio rettificato ancorata alle spalle della macchina;
- teste a fresare, installate sui carrelli porta-teste, dotate di mandrini regolabili in base alla profondità della fresatura da ottenere;
- supporti mobili con ruote libere, posizionati sotto le teste e con esse sincronizzati, che creano contrasto alla pressione di fresatura e hanno la funzione di copia della superficie inferiore del pannello in lavorazione, per garantire l’assenza di vibrazioni durante la fresatura;
- cuffie di protezione con attacco d’aspirazione, per consentire l’evacuazione delle polveri di lavorazione dalla sede degli utensili.
A richiesta:
- versione T: con gruppo d’avanzamento a tappeto e senza ruote di contrasto inferiori, per lavorazioni che richiedono meno precisione
- testa orizzontale inferiore, per realizzare fresature sulla superficie inferiore del pezzo
- mini mandrini oscillanti automatici, per ottenere fresature non passanti di testa 
- mandrini porta-frese più lunghi, per montare più frese o utensili speciali
- sistema pneumatico “FAST-UP 100”, per allontanare le teste dalla zona di taglio e agevolare le operazioni di montaggio/smontaggio degli utensili, senza variare la quota della profondità di fresatura
- lettura della posizione verticale dei mandrini tramite comparatore centesimale
- motorizzazione della regolazione degli assi delle teste
- motorizzazione della regolazione dei registri
- nastratori automatici all’ingresso dei pezzi, per l’applicazione del nastro adesivo, se il pannello da lavorare è rivestito con materiali non piegabili
- cappa d’aspirazione supplementare
- spazzolatore superiore e inferiore con cappa d’aspirazione a fine fresatura, per migliorare l’asportazione dei trucioli di lavorazione
- gestione tramite CN di tutte le funzioni di posizionamento delle teste e dei registri, particolarmente utile se la macchina è composta da più moduli messi in linea.